Contattaci | Sedi |

Italiano Inglese Russo

Notizie


Bonifiche Ambientali nella Siberia Occidentale. Opportunità per le aziende italiane del settore

Lo scorso 30 giugno 2010 la CMP & PARTNERS EEIG, società specializzata nella promozione e sviluppo delle imprese italiane all’estero, ha concluso il Rapporto 2010, sui siti inquinati da prodotti petroliferi di una vasta area della Siberia Occidentale dove si concentrano oltre il 50% delle estrazioni petrolifere della Federazione Russa. Detto rapporto contiene, nel dettaglio, l’indicazione delle compagnie petrolifere presenti nelle aree interessate, il loro dislocamento, le superfici di proprietà, il tipo e il livello d’inquinamento e le superfici dei terreni interessati ai programmi di bonifica che, ad oggi, superano i 6.000 ettari. Parallelamente è stata realizzata una mappa grafica riportante tutti i dati di cui sopra. Questo documento, predisposto dal Centro Studi e Ricerche della CMP & PARTNERS, rappresenta il risultato di un lavoro complesso svolto anche in loco e che, proprio per i suoi contenuti, costituisce uno strumento essenziale per le aziende italiane del settore che intendono verificare e/o penetrare nuove aree di mercato come quelle della Siberia Occidentale. I dati contenuti nel rapporto sono, in parte, anche il frutto della collaborazione con le più importanti Compagnie Petrolifere con le quali la CMP & PARTNERS ha instaurato un dialogo corrente, volto ad affrontare congiuntamente le problematiche esistenti e le ipotesi di soluzione attraverso l’utilizzo delle tecnologie e del know how delle aziende italiane che, di volta in volta, la CMP & PARTNERS sottopone all’attenzione. E proprio in relazione ai risultati fino ad oggi ottenuti e ai rapporti preferenziali avviati con diverse Compagnie Petrolifere che la CMP & PARTNERS ha deciso di varare il progetto: “Bonifiche Ambientali nella Siberia Occidentale” mettendo a disposizione delle aziende italiane interessate a tale iniziativa il know how, le professionalità tecniche della Sezione Engineering, facente capo alla Divisione Ambiente del Gruppo, gli elaborati prodotti dal Centro Studi e Ricerche nonché le altre professionalità in campo giuridico, societario e fiscale.




Accordo di collaborazione tra JSC “Penza Region Development Corporation” e CMP & PARTNERS EEIG

Il 30 gennaio 2010 tra la JSC “Penza Region Development Corporation”, società per gli investimenti e lo sviluppo del Governo della Regione di Penza e la CMP & PARTNERS EEIG, società per la promozione e lo sviluppo delle aziende italiane è stato sottoscritto un accordo di collaborazione (Memorandum of Understanding) finalizzato a sviluppare progetti congiunti nei settori delle Energie Alternative e Rinnovabili, delle Piattaforme Energetiche Integrate, dell’Ambiente, delle Bonifiche Ambientali, del Risanamento dei Suoli, del Trattamento delle Acque, del Trattamento dei Rifiuti, dell’Urbanistica e del Territorio. Il Memorandum, della durata di 5 anni, prevede anche la possibilità di costituire una joint venture tra le due società per la realizzazione dei progetti che si andranno a sviluppare. In particolare la JSC “Penza Region Development Corporation” metterà in campo tutte le azioni necessarie per rilevare e valutare le necessità di interventi, eseguire le ricerche preliminari coinvolgendo il potenziale innovativo, scientifico e universitario della Regione di Penza e predisporre gli appositi finanziamenti sia in partnership con istituti bancari sia attraverso appositi programmi del Governo Federale. La CMP & PARTNERS EEIG nell’ambito di questo accordo metterà a disposizione le proprie professionalità con particolare riferimento al proprio Centro Studi e Ricerche, alla Sezione Engineering facente capo alla Divisione Ambiente del Gruppo, nonché alle altre professionalità in campo giuridico, societario e fiscale, coinvolgendo altresì aziende italiane leader con le quali il Gruppo intrattiene rapporti consolidati per la fornitura di prodotti, macchinari e tecnologie. Per facilitare il raggiungimento degli obiettivi, oggetto dell’accordo sottoscritto, sarà costituito un apposito Gruppo di Lavoro Italo – Russo che comprenderà esperti e tecnici di entrambe le parti.